Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_pretoria

Cittadinanza per matrimonio online

 

Cittadinanza per matrimonio online

DOMANDE DI CITTADINANZA ITALIANA PER MATRIMONIO

NUOVA PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CITTADINANZA ITALIANA PER MATRIMONIO

Si comunica che a decorrere dal 1mo Agosto 2015  la domanda tesa ad ottenere il conferimento della cittadinanza italiana per matrimonio, ai sensi dell’art. 5 legge 5.2.1992, n.91, dovra' essere presentata ESCLUSIVAMENTE ONLINE dai richiedenti domiciliati in questa circoscrizione consolare, i cui coniugi italiani siano regolarmente iscritti all’A.I.R.E., allegando la domanda e la documentazione opportunamente scansionata.

Guida per la compilazione della domanda e indicazione degli allegati da produrre

Il portale in cui bisogna registrarsi è: https://cittadinanza.dlci.interno.it

Nel modulo di registrazione vanno inseriti COGNOME – NOME – DATA DI NASCITA presenti sull’atto di nascita. Per le donne va inserito il cognome da nubile. In caso di errato inserimento dei dati anagrafici sarà necessario cancellare la registrazione al portale, dopo aver effettuato l’accesso, utilizzando la funzione del menù “Cancella la registrazione al portale” ed effettuare successivamente una nuova registrazione.

Dopo la registrazione e la conferma del proprio indirizzo e-mail, il richiedente dovrà accedere nuovamente al sito, usando le proprie credenziali.

NB: si fa presente che il sito è esclusivamente in italiano. Questa Ambasciata non potrà fornire traduzioni né assistenza nella compilazione della domanda.

Per inserire la domanda selezionare la funzione 1 – “Gestione domanda” e selezionare il “modello AE” (vedi nota 1). Compilare tutti i campi e caricare tutti i documenti richiesti dal punto 1 al punto 5 sotto elencati:

1) Prova della registrazione del matrimonio in Italia, emessa dal Comune italiano competente (vedi nota 2);
2) Certificato di nascita, tradotto e apostillato (legalizzato per il Madagascar);
3) Certificato penale del paese di origine e di eventuali paesi terzi di residenza a partire dai 14 anni di età, tradotti e apostillati (legalizzati per il Madagascar);
4) ricevuta del pagamento di Euro 200.00 al Ministero dell’Interno (v. nota 3);
5) copia del passaporto (per il Madagascar autenticata dal Ministero degli Esteri e legalizzata dall’Ambasciata).

(Per il Madagascar, il certificato penale, il certificato di nascita e la copia del passaporto autenticata dal Ministero deli Esteri del Madagascar, dovranno prima essere inviati all’Ambasciata per la legalizzazione e la traduzione (previo pagamento nel conto dell’Ambasciata). I documenti legalizzati verranno poi riconsegnati agli interessati, che dovranno allegarli alla domanda online).

Il richiedente può salvare, modificare, cancellare o trasmettere la propria domanda, ma, una volta trasmessa, questa non potrà più essere modificata. Per tale ragione, eventuali errori nei dati inseriti, inclusi errori di digitazione, comporteranno il rigetto della domanda da parte di questa Ambasciata ed il richiedente dovrà ripetere nuovamente la procedura.

Una volta inserita la domanda online verranno generati due documenti:
1) Un documento riepilogativo della domanda
2) Una ricevuta d’invio con un numero identificativo.

La domanda potrà essere:
1) Accettata
2) Accettata con riserva
3) Rifiutata

Una volta che la domanda è stata trasmessa, assicurarsi di stampare il modello compilato utilizzando l’icona “PDF” accanto al link al “Modello AE” - Cittadini Stranieri residenti all’Estero – Art.5 – richiesta per matrimonio con cittadino italiano”.
Tale icona appare dopo il completamento e la trasmissione della domanda.

La domanda verrà rigettata se sono presenti errori di digitazione e/o quando la documentazione allegata è errata o non è possibile correggerla. Come già riportato, il rigetto comporterà la necessità per il richiedente di reinserire la propria domanda, ripetendo la procedura dall’inizio.

Quando la domanda viene accettata, il richiedente sarà avvisato tramite email dall’Ambasciata al fine di fissare un appuntamento per la consegna degli originali della documentazione.
Il giorno della convocazione sarà necessario pagare, nel corrispondente valore in RAND le seguenti percezioni consolari:
- Euro 10,00 art. 24 autentica della firma (sulla domanda che il richiedente avrà stampato al completamento della domanda online);
- Euro 7,00 art. 71 copia del passaporto del richiedente;

In tale occasione si prega di assicurarsi di portare con sé il modello compilato della domanda.

Si fa presente che una volta che la domanda è stata accettata, la data di inserimento della stessa coinciderà con l’inizio del termine di 730 giorni che la legge italiana prevede per la valutazione della richiesta di cittadinanza.
Successivamente alla presentazione della documentazione in originale presso questa Ambasciata, la pratica sarà di esclusiva competenza del Ministero dell’Interno.
L’interessato potrà verificare personalmente lo stato della pratica inserendo nel sito del Ministero dell’Interno il numero della pratica e le informazioni richieste dal sistema.

Nota 1.
Tutti i dati personali inseriti nella domanda, quali nome, cognome, data e luogo di nascita, devono coincidere esattamente con quelli riportati sul certificato di nascita o di cambio di nome/cognome.

Nota 2.
Il richiedente dovrà ottenere (direttamente, a mezzo posta o attraverso conoscenti in loco) un “estratto dell’atto di matrimonio” dal Comune dove questo è stato registrato. Laddove questo documento non fosse caricato dal richiedente, questa Ambasciata dovrà sospendere la procedura fino a quando non otterrà il certificato dal Comune competente. Si raccomanda quindi al richiedente di richiedere il certificato per tempo e caricarlo direttamente sul sito web al momento della presentazione della domanda.

Nota 3.
Il pagamento di Euro 200.00 deve essere fatto a:
MINISTERO DELL’INTERNO D.L.C.I. – CITTADINANZA
Piazza del Viminale n.1 – 00184 Roma
IBAN: IT54D0760103200000000809020
BIC/SWIFT Code: BPPIITRRXXX
Causale: “Domanda di Cittadinanza”: nome, cognome e data di nascita della persona che fa la richiesta di cittadinanza.

Nota 4.
È necessario scansionare sia i certificati e le traduzioni, che le “apostille”.

Nota 5.
Chi richiede un’altra cittadinanza in aggiunta alla propria, deve essere consapevole del fatto che ciò può avere effetti sul proprio status nei confronti della cittadinanza di origine (es. alcuni paesi prevedono la perdita della cittadinanza quando si richiede ed ottiene la naturalizzazione da un’altra nazione). E’ perciò altamente consigliabile verificare la propria posizione in questo senso con le Autorità del proprio paese di origine (Sud Africa o, se del caso, altro Stato).

 

 

GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI CITTADINANZA PER MATRIMONIO CON CITTADINO/A ITALIANO/A E INDICAZIONE DEGLI ALLEGATI DA PRODURRE

Secondo l’art. 5 L.91/92, il coniuge di cittadino italiano puo’ presentare domanda per la concessione della cittadinanza italiana dopo 3 anni dalla data del matrimonio o dopo 18 mesi in presenza di figli. I coniugi non devono essere separati o divorziati ed il vincolo matrimoniale deve permanere fino all’emissione del decreto di conferimento della cittadinanza italiana.
L’istante deve avere un permesso di residenza valido ed il coniuge italiano deve essere registrato presso questo Consolato Generale (AIRE).

Lista documenti necessari per richiedere la concessione della cittadinanza italiana per matrimonio:

1) DOMANDA debitamente compilata e NON FIRMATA (la firma andrà apposta in Ambasciata).
Per il Madagascar, Mauritius e Namibia il richiedente dovrà firmare davanti al Console Onorario/Corrispondente consolare del Paese in cui risiede.

2) ESTRATTO PER RIASSUNTO DELL’ATTO DI MATRIMONIO che deve essere rilasciato dal Comune italiano ove e’ iscritto il cittadino italiano o dal Comune italiano ove e’ stato celebrato ( non si accetta il certificato rilasciato il giorno della celebrazione). Tutti i matrimoni, anche quelli celebrati all’estero, devono essere registrati presso un Comune Italiano. Prima di presentare domanda per la cittadinanza italiana, e’ bene accertarsi che il matrimonio sia stato registrato.

3) ATTO INTEGRALE DI NASCITA dell’istante legalizzato e tradotto in italiano. La legalizzazione deve essere effettuata con Apostilla (v. Nota 2) se il Paese ha firmato la Convenzione dell’Aja del 05.10.1961. Se il Paese non e’ firmatario di tale Convenzione, la Legalizzazione deve essere effettuata dall’Ambasciata/Consolato competente per il Paese di rilascio. La traduzione in Italiano, effettuata da un traduttore ufficiale (v. lista traduttori Nota 1), deve essere legalizzata con Apostilla. L’Atto di nascita non ha scadenza.

4) CERTIFICATO PENALE DEL PAESE di origine e di ogni altro Paese ove si è risieduto a partire dai 14 anni.
La legalizzazione deve essere effettuata con Apostilla (v. Nota 2), se il Paese ha firmato la Convenzione dell’Aja del 05.10.1961. Se il Paese non e’ firmatario di tale Convenzione, la Legalizzazione deve essere effettuata dall’Ambasciata/Consolato competente per il Paese di rilascio. La traduzione in Italiano, effettuata da un traduttore ufficiale (v. lista traduttori nota 1), deve essere legalizzata con Apostilla.
Questi certificati hanno una validità di 6 mesi.

5) RICEVUTA DEL PAGAMENTO DI EURO 200. Questo contributo non può essere pagato in Ambasciata ne’ in contanti, ma solo in Banca tramite bonifico:
- Beneficiary Account Name: “MINISTERO DELL’INTERNO D.L.C.I. – CITTADINANZA”;
- Reason for payment: Citizenship Application/name and surname of the payee;
- International Bank Account Number (IBAN code): IT54D0760103200000000809020;
- Receiving Bank Name: POSTE ITALIANE S.P.A.
- Receiving Bank BIC/SWIFT code: BPPIITRRXXX.

6) passaporto originale del richiedente

7 ) permesso di residenza rilasciato dal locale Ministero degli Interni

8) passaporto originale del coniuge

LE DOMANDE INCOMPLETE NON SARANNO ACCETTATE

Nota 1.
Lista traduttori
Gilda PIEROBON – 011 6167118; 072 2973594; gildapierobon@telkomsa.net
Dorothy SELIBAS – 011 6463388; 082 8950103; selibas@iburst.co.za
Marisa BRUNI – 012 3332839; 082 7514000

Nota 2.
L’Apostille si richiede al Department of International Relations and Cooperation (DIRCO) a Pretoria
Indirizzo:
NE2A-Ground Floor
OR Tambo Building
460 Soutpansberg Road
Rietondale, Pretoria
Tel: (012) 351 1726; Fax: (012) 329 1018; legalisation@dirco.gov.za

 


258