Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_pretoria

Politica ricerca e sviluppo

 

Politica ricerca e sviluppo

Lo studio più recente sulla spesa globale sudafricana in ricerca e sviluppo (GERD) è stato condotto dal Human Science Research Council-CeSTI e presentato nel Marzo 2016. Si stima che il governo, le università, gli enti pubblici, le imprese e le organizzazioni no-profit abbiano investito nel periodo 2013/2014 25,7 miliardi di Rand, corrispondenti a circa lo 0.73 % del Prodotto Interno Lordo, valore che è rimasto inalterato rispetto al 2012/2013. L’obiettivo definito nel Medium Term Strategic Framework per il periodo 2014-2019 dal governo sudafricano è quello di portare il GERD al 1,5% del PIL, al fine di sostenere la crescita economica investendo in ricerca e sviluppo.
Il budget del Department of Science and Technology (DST), a cui e’ affidata la definizione e l’attuazione della visione strategica e di sviluppo del sistema scientifico e tecnologico sudafricano, nell’anno finanziario 2016/2017 e’ stato di circa 7,4 miliardi di Rand.
Il sistema della ricerca scientifica e tecnologica sudafricano si fonda sull’attuazione del National System of Innovation (NSI), un sistema dove diverse componenti interagiscono per individuare le migliori strategie innovative a sostegno della crescita economica, dello sviluppo del capitale umano e del miglioramento delle condizioni di vita della popolazione (Satyakama et al. 2012). I principali documenti attuativi sono il White Paper on Science and Technology del 1996, il 2002 National Development Research Strategy (NRDS) e il New Strategic Management Model for South Africa’s Science and Technology System del 2004. Infine, nel 2007, il DST ha definito il Ten-Year Innovation Plan (http://www.dst.gov.za/index.php/resource-center/strategies-and-reports/143-the-ten-year-plan-for-science-and-technology), un documento che identifica gli obiettivi da raggiungere entro il 2018 nei settori della scienza e della tecnologia. Le aree di intervento prioritario sono cinque: bio-economia, scienza e tecnologia spaziale, energia sicura, cambiamenti climatici, dinamica ed evoluzione sociale. Il sostegno alla ricerca in questi settori e’ riconosciuto come prioritario affinché l’economia nazionale, storicamente centrata sullo sfruttamento delle materie prime, possa trasformarsi in un’economia fondata sulla conoscenza. Alla base di questo processo si pongono le strategie di sviluppo legate all’innovazione, alle infrastrutture (economiche, istituzionali e dell’informazione) ed all’istruzione.

Bibliografia
Satyakama P., P. Mjwara, T. Marwala, E. Mabuza, M. Cele (2012) South Africa’s National System of Innovation – Complex adaptive system perspective. The thincker, 36, 36-39.


87